L'aumento degli ‘intelligent workers’ nelle aziende europee

Stampa Twitter Facebook Delicious LinkedIn

L'aumento degli ‘intelligent workers’ nelle aziende europee

Per non perdere fatturato e clienti le aziende devono riuscire a fornire ai dipendenti strumenti per la condivisione delle informazioni e della conoscenza.

Da una nuova ricerca commissionata da Ricoh Europe(1) è emerso che nei prossimi cinque anni il numero di ‘intelligent workers’ (iWorker) delle aziende europee aumenterà in maniera esponenziale. Attualmente, solo il 4% dei business leader europei definisce la maggioranza dei dipendenti della propria azienda con il termine iWorker, vale a dire knowledge worker che hanno accesso 24/7 a tutte le informazioni utili a soddisfare le necessità dell’azienda e dei suoi clienti. I responsabili aziendali prevedono comunque un cambiamento significativo entro i prossimi cinque anni: il 37% del campione d’indagine è infatti convinto che entro il 2018 la maggior parte della popolazione aziendale sarà costituita da iWorker.

La crescita degli iWorker può essere vista come una risposta delle aziende alle conseguenze negative derivanti dall’inefficace condivisione delle informazioni. Quando si è chiesto loro di stilare una graduatoria degli impatti più rilevanti causati da queste inefficienze, i business leader hanno citato al primo posto la perdita dei ricavi (49%), seguita al secondo posto dalla perdita dei clienti (43%) e in terza posizione da una conoscenza superficiale della realtà dei clienti (27%).

Lo studio mette poi evidenza che, prima di incrementare la presenza degli iWorker nelle aziende europee, è necessario risolvere alcune importanti questioni. Infatti, circa tre quarti delle imprese sta investendo in nuove tecnologie con l’obiettivo di migliorare la produttività dei dipendenti, sia all'interno che all’esterno dell’ufficio, ma la maggioranza di queste mette in luce l’esigenza di rivedere i processi per consentire ai dipendenti di accedere con più facilità alle informazioni. Oltre il 70% dei business leader è convinto che l’impossibilità di accedere ai documenti mediante dispositivi mobile limiti la propria azienda, mentre due terzi afferma che funzioni di ricerca inadatte impediscono ai dipendenti di trovare le informazioni di cui hanno bisogno per contribuire alla crescita dell’azienda. Inoltre, il 62% dichiara che i silos informativi non interconnessi stanno ostacolando la condivisione dei dati.

David Mills, COO di Ricoh Europe, afferma: “Si prevede che il numero degli iWorker sia destinato a crescere in modo significativo. Ma la domanda da porsi è: le aziende sono pronte? I responsabili aziendali sono consapevoli più che mai della necessità di un’ulteriore ottimizzazione delle modalità con cui nelle aziende si utilizza la tecnologia e si gestiscono i silos informativi. Diventa sempre più urgente riesaminare e modificare le modalità di lavoro tradizionali e tenere il passo con i cambiamenti guidati dalla tecnologia che inevitabilmente porteranno con sé nuove sfide”.

I responsabili delle aziende europee evidenziano i passi necessari per consentire la crescita degli iWorker. Le attività da svolgere per arricchire le competenze dei dipendenti consistono (in prima posizione) nel mettere a loro disposizione strumenti per la collaborazione che favoriscono la condivisione della conoscenza e l'interscambio di informazioni tra persone che lavorano in differenti luoghi. Al secondo posto sono state citate l’ottimizzazione dei processi aziendali – mediante l’analisi delle modalità di lavoro dei dipendenti e l’utilizzo corretto delle tecnologie – e il passaggio al cloud. In quarta posizione, i responsabili aziendali hanno citato la digitalizzazione dei documenti cartacei con l’obiettivo di migliorare l’accesso alle informazioni, attuali e storiche, che sono importanti per l’azienda e che agevolano i processi decisionali. Questi progetti di innovazione portano numerosi vantaggi alle aziende. Una ricerca condotta da McKinsey(2) mette in evidenza che le aziende in cui si concentra il maggior numero di knowledge worker (oltre il 35% dei dipendenti) creano, in media, ritorni per dipendente tre volte maggiori rispetto a quelli in cui vi è una percentuale più bassa (20% e anche meno dei dipendenti).

Continua David Mills: “Per le organizzazioni di tutta Europa è arrivato il momento di prepararsi al futuro ottimizzando i processi documentali. In un contesto in cui aumentano le innovazioni e i cambiamenti guidati dalla tecnologia, gli iWorker sono fondamentali per la crescita aziendale e per aumentare l’efficienza, la produttività e la capacità di rispondere alle esigenze dei clienti”.

Per maggiori informazioni sugli impatti esercitati dai cambiamenti guidati dalla tecnologia potete visitare il sito http://thoughtleadership.ricoh-europe.com/it/bigger-data/home/


__________________________

(1) Ricerca condotta da Coleman Parkes Research, maggio-giugno 2013
(2) L'imperativo della produttività McKinsey, 2010

Inizio pagina