Il successo dell’Europa dipende dal successo delle Pmi

Stampa Twitter Facebook Delicious LinkedIn

Il successo dell’Europa dipende dal successo delle Pmi

Un maggiore sviluppo tecnologico nelle Pmi migliorerebbe l’economia europea. Alcune aziende hanno già intrapreso la strada dell’innovazione, come ad esempio il Piccolo Teatro di Milano che ha scelto gli IT Services di Ricoh Italia.

Il punto di vista di Ian Winham, CIO di Ricoh Europe

Si parla molto di come lo sviluppo e la competitività in Europa dipendano da quanto le Piccole e Medie Imprese riescano a fare leva sull’IT. Grazie alle tecnologie le Pmi possono aumentare la produttività, riducendo i costi e velocizzando i tempi di risposta al mercato. Ci sono però una serie di fattori interni ed esterni – come ad esempio i budget ridotti, la mancanza di competenze e la gestione delle normative – che stanno frenando le potenzialità che l’IT potrebbe apportare alle Pmi.

Riuscire a gestire in maniera efficace le tecnologie è importante per il successo non solo della singola impresa, ma di tutta l’Europa. Secondo l’Unione Europea oltre il 99% delle aziende europee sono di piccole e medie dimensioni (1), per cui questo segmento di mercato gioca un ruolo fondamentale per il rilancio dell’economia. Alcune ricerche mostrano come le Pmi europee che investono in tecnologie crescono ed esportano due volte tanto rispetto a quelle che non stanno effettuando investimenti in questo ambito, creando inoltre il doppio dei posti di lavoro (2). Ecco perché l’Agenda Digitale è così importante e include iniziative volte a supportare le Pmi a utilizzare le tecnologie per guadagnare vantaggi competitivi. L’opportunità è chiara: incrementare l’adozione delle tecnologie nelle Pmi porterebbe a un miglioramento della business community e dell’economia europea.

L’Unione Europea e le aziende sono quindi consapevoli della strategicità dell’IT, ma questa consapevolezza non si traduce in opportunità come invece dovrebbe. Prendiamo ad esempio il Regno Unito: solo 1/10 dei 4,5 milioni di aziende di piccole e medie dimensioni utilizza Internet per la vendita di prodotti e servizi (3). Ovviamente Internet non è la sola tecnologia in grado di trasformare le modalità di interazione con i clienti. I tool che consentono una gestione più efficace ed efficiente dei processi di business – come ad esempio la fatturazione elettronica oppure il cloud computing per il mobile working e il data storage – possono migliorare il business delle Pmi, ma per molte adottare questi strumenti rappresenta una sfida.

La complessa e frammentata regolamentazione europea è spesso citata come uno dei principali ostacoli per lo sviluppo del business on line e ‘oltre frontiera’. In Europa manca un mercato digitale unico, per cui le aziende si trovano a dover gestire differenti regolamentazioni, modelli contrattuali e standard e mancanza di operabilità. Si tratta di una sfida per molte aziende, in particolare per le Pmi che spesso non hanno al proprio interno le competenze IT necessarie per sviluppare progetti di questo tipo. Ricoh supporta la EU Cloud Computing Strategy presentata di recente, ma è convinta che ci vorrà del tempo prima che essa venga recepita dai vari Stati membri e prima di uscire dal ‘labirinto normativo’.

In questo contesto non sorprende che da un recente studio di Ricoh (4) è emerso come oltre un terzo delle Pmi affermi che i dispositivi mobili stiano complicando la gestione dei processi documentali e lo stesso si può dire per il cloud computing. Considerata l’evoluzione tecnologica senza precedenti attualmente in atto, è importante che le Pmi massimizzino l’IT per il successo del business. La tecnologia e il supporto di partner come Ricoh consentono alle piccole e medie imprese di rispondere meglio alle esigenze dei propri clienti e di essere più competitive sul mercato.

Il Piccolo Teatro di Milano, un esempio di eccellenza 
Fondato nel 1947, il Piccolo Teatro è uno dei teatri più conosciuti sia in Italia che all’estero. Il teatro aveva la necessità di fare evolvere la propria infrastruttura IT per supportare la crescita del business e la gestione di applicazioni alla base delle attività, come ad esempio il sito web, il sistema per la vendita on line dei biglietti e la web tv. Il Piccolo Teatro ha scelto gli IT Services di Ricoh in un’ottica di one-stop-shop. Ricoh ha progettato e implementato un’infrastruttura IT flessibile, ‘green’ e pronta per eventuali evoluzioni future. Grazie a questo progetto il Piccolo Teatro è riuscito a ridurre i costi e i consumi energetici e ad aumentare l’efficienza e la produttività. La nuova infrastruttura IT è all’avanguardia e lascia aperta la strada a evoluzioni future per supportare la crescita del business e consentire al Piccolo Teatro di rispondere al meglio alle esigenze dei propri spettatori.

È evidente che se, da un lato, ci sono molte opportunità per le piccole e medie imprese che sapranno trarre valore dall’IT, dall’altro ci sono molte sfide da vincere a livello di singola azienda e Nazione, ma anche a livello europeo e globale. In questo contesto è fondamentale che i leader di mercato che hanno le competenze e gli skill necessari supportino le aziende nel percorso evolutivo. Il successo dell’Europa dipende dal successo delle Pmi.

-----------

(1) Commissione Europea http://ec.europa.eu/enterprise/policies/sme/facts-figures-analysis/index_en.htm
(2) The Lisbon Council: Wired for Growth and Innovation: How Digital Technologies are Reshaping Small- and Medium-Sized Businesses
(3) e-skills UK: http://www.e-skills.com/using-it/individuals/go-on-uk/
(4) Ricoh Document Governance Index 2012, condotto da Coleman Parkes Research per conto di Ricoh

Inizio pagina